giovedì 25 settembre 2014

"Before I go to sleep" di SJ Watson

Titolo: "Before I go to sleep"
Autore: SJ Watson
Editore: Piemme
Pagine: 420
Prezzo: Amazon, inMondadori, LaFeltrinelli in copertina rigida a €16,15 mentre in brossura a €11,05 e in versione ebook a €6,99. La versione in lingua inglese è leggermente più costosa, penso per la nuova copertina con la locandina del film, e la potrete trovare negli stessi negozi online che vi ho appena nominato.

La settimana scorsa, per motivi di lavoro, mi sono ritrovato a passare il centro di Londra con il treno. Come succede in molte fermate di treni o metropolitane in giro per il mondo, mentre si attende che il treno riparta, si può dare un'occhiata alle molte locandine pubblicitarie che tappezzano i muri delle banchine. Musicals, pubblicità varie di prodotti per la casa o per l'igiene personale, gite ed escursioni varie per rendere il proprio soggiorno in città più entusiasmante, ma a farla da padrone sono le locandine dei film nelle sale in quel momento.
"Before I go to sleep", è senz'altro il cartellone che più ho notato. Quella che potete vedere in quasto post è la locandina del film uscito nelle sale del Regno Unito il 5 settembre scorso. Ho comprato questo romanzo alla sua uscita e solo recentemente è riapparso davanti ai miei occhi nella mia libreria, così ho deciso di iniziare a leggerlo. Direi che è stato amore alla prima pagina. Una storia così ben costruita e così ben descritta che mi è stato impossibile non terminarlo in pochissimo tempo. Ogni pagina è piena di dettagli e personaggi che accrescono la curiosità del lettore, non ci sono momenti morti o pagine da evitare, suspence continua man mano che la storia si sviluppa.

Christine un giorno si sveglia, è a letto. Un letto che non riconosce e appena la sua vista diventa più nitida, man mano che gli occhi si abituano alla luce, nota essere in una stanza che non ha nulla di familiare. A complicare la situazione è la presenza di un uomo al suo fianco, molto più adulto di lei, che dorme come se nulla fosse. Si dirige verso il bagno dove una tremenda verità farà accrescere in lei la paura. Chi è la donna allo specchio? Chi è lei? Chi è l'uomo dentro quel letto? Che cosa le è successo? Mentre queste domande le affolleranno la mente, fino a farle credere di essere sull'orlo della follia, nella speranza di ricordare, una voce maschile alle sue spalle prende vita. L'uomo le dice di chiamarsi Christine e che lui è suo marito. A causa di un incidente molti anni prima Christine ha perso la memoria. Ogni giorno, dopo essersi addormentata, la sua mente per anni ha cancellato qualsiasi evento accaduto nelle ventiquattro ore precedenti il suo risveglio. 

A complicare la vita di Christine è la chiamata di uno sconosciuto che dice di essere il suo analista, col quale riuscirà a tenere i contatti grazie ad un diario che lui stesso le aveva consigliato di tenere quotidianamente. 
In Italia è stato pubblicato da Piemme con il titolo "Non ti addormentare" con una copertina simile ma leggermente più colorata. Altamente consigliato! 

mercoledì 24 settembre 2014

The Very Inspiring Blogger Award

Ragazze e ragazzi, buongiorno!
Sono contento di iniziare la mia giornata rendendovi partecipi di una bella sorpresa che ho ricevuto questa settimana. Tatiana del blog "La libreria dei sogni" mi ha premiato nel "The Very Inspiring Blogger Award". Colgo quindi l'occasione di ringraziarla infinitamente, queste sono le cose di cui un blog e il suo blogger hanno bisogno. Fonte di vita per spronarci a continuare, cercando sempre nuovi modi per migliorare, alla conquista di un piccolissimo posto in quell'oceano che internet è ormai diventato.
Ecco quindi le regole che questo Award impone di seguire:

  • Ringraziare la persona che ti ha nominato
  • Elencare le regole e visualizzae il premio
  • Condividere 7 fatti su di te
  • Nominare altri 15 blog e lasciare un commento per fargli sapere che sono stati nominati
  • Mostrare il logo del premio sul tuo e seguire il/la blogger che ti ha nominato


7 fatti su di me

#1 Infanzia televisiva
Ho sempre amato guardare la televisione. Ricordo che da piccolo fingevo di essere malato scaldando il termometro per riuscire a saltare la scuola e poter guardare quei programmi del palinsesto mattutino che, altrimenti, avrei saltato. Brutto esempio, lo so, non imitatemi. 
Penso che la televisione possa dare molto quanto possa togliere al cervello delle persone. Tutto dipende come la si guarda e soprattutto per quante ore.

#2 Vorrei imparare a scrivere un romanzo
Penso che dopo aver letto così tanti libri non mi dispiacerebbe scriverne uno tutto mio. Diciamo che le idee non mancano ma la forma è senz'altro l'ostacolo più grande. Nei piccoli ritagli di tempo cerco di interessarmi e quindi leggo manuali e consigli di scrittori famosi e non, cercando di aiutarmi nell'intento. Al momento mi limito a scrvere qualche riga di tanto in tanto. Forse un giorno...

#3 Viaggiare
Viaggiare è sempre stata la mia passione e il mio lavoro attuale ne è il risultato. La mia vita dai 25 anni in poi è stato un continuo spostamento e ancora adesso non sono riuscito a fermarmi.

#4 Animali
Amo molto gli animali. Al momento ho due gatti che amo alla follia. Il mio sogno è poter avere uno spazio tutto mio per poter avere una piccola fattoria...

#5 Macchina del tempo
Se ne fossi in possesso la utilizzerei per poter andare indietro nel tempo e "affinare" alcune scelte fatte... molte persone hanno il dono di focalizzare i propri obiettivi e raggiungerli senza troppe distrazioni. Ecco, proprio queste sono le mie pene, le distrazioni, essendo una persona molto curiosa rischio sempre di deragliare e intraprendere strade nuove di continuo... l'infinita ricerca del giusto percorso.

#6 Andare per mare
Al momento non sono un fan dei viaggi in barca, a dirla tutta la nausea prende il sopravvento sulle mie buone intenzioni di godermi il mare.
Spero un giorno di poter superare questo scoglio ( scusate la parola ma ci stava bene ) e magari concedermi più vacanze tra le onde.

#7 Non toccate...
Sono molto geloso dei miei libri e dei miei cofanetti DVD. Ne ho parecchi e non sopporterei l'idea di vederli rovinati o anche solo leggermente maltrattati quindi... non amo prestarli a nessuno!


I blog ai quali vorrei consegnare questo premio sono...


  1. Grazie, preferisco leggere
  2. La biblioteca dell'Estremo Oriente
  3. La biblioteca d'Israele
  4. diLetti e riLetti
  5. La bancarella del libro
  6. Penna Blu
  7. Omicidi in pausa pranzo
  8. I libri ci salvano
  9. Matteobblog
  10. Mr Ink Diario di una dipendenza
  11. I dolori della giovane libraia
  12. Il piacere della lettura
  13. Holden & Company
  14. Vita da Editor
  15. Biblioteca giapponese



lunedì 1 settembre 2014

"Il capitale umano" di Paolo Virzì

Ieri mi sono recato alla Feltrinelli di Largo Argentina a Roma e, mentre mi guardavo attorno, ho notato la copertina di un DVD uscito da poco. Il titolo è "Il capitale umano" di Paolo Virzì. Dalla sua uscita mi ero promesso di andarlo a vedere sul grande schermo ma tra una cosa e l'altra, beh, non ce l'ho mai fatta. Così mi son detto prendiamolo e vediamo un pochino come mai tutto questo successo.
Il film è diviso in capitoli, ognuno dei quali racconta la stessa vicenda e gli stessi accadimenti ma dai diversi punti di vista dei personaggi principali. Nessuna ripetizione, non aspettatevi un susseguirsi di eventi triti e ritriti, ma un perfetto montaggio che, lo noterete voi stessi, crea aspettativa e incuriosisce lo spettatore in maniera esponenziale. Il regista fornisce la visione dei personaggi come quando si conosce qualcuno per la prima volta, gioca con la nostra superficialità, ci testa, aumentando le nostre convinzioni nel giudizio, per poi obbligarci a cambiare idea man mano che entra nelle loro vite. Ho trovato gli attori particolarmente bravi, specialmente ad imitare ( alcuni di loro) e quindi a forzare l'accento del luogo ( che poi sarebbe il mio). Sullo sfondo c'è Varese (e provincia), una piccola e laboriosa cittadina a misura d'uomo, luogo che conosco molto bene avendoci vissuto per due anni. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...