giovedì 23 gennaio 2014

27 GENNAIO GIORNO DELLA MEMORIA, non dimenticare...

Essendo quasi tutto il giorno sulla rete, cercando, spulciando, perdendomi nei meandri del suo immenso contenuto, ho notato come gia' tutti stiano parlando o menzionando questo appuntamento triste che la storia, nel suo periodo piu' buio, ci ha lasciato in eredita'. Il 27 di questo mese sara' il GIORNO DELLA MEMORIA, un giorno importante, che serve a ricordare la "liberazione" del campo di concentramento di
Come ogni ricorrenza, un giorno solo viene tenuto in considerazione, per non dimenticare e per cercare di avvicinare un numero sempre crescente di persone all'argomento. Per quanto riguarda questo preciso appuntamento con un ripasso della storia, non troppo lontana da noi, bisognerebbe dedicare anni alla commemorazione di quanto e' accaduto. Centinaia saranno le attivita' annesse a questa data, molteplici i giorni nei quali avranno luogo, in altrettante localita'.
Concerti, rassegne cinematografiche, incontri, pellegrinaggi e molto altro ancora sara' la risposta che le persone daranno contro la violenza che ha visto dominare l'uomo per molti anni. Odio e momentanea cecita' hanno portato al compimento di una strage senza precedenti, aggiungendo alla storia cio' che non vi dovrebbe far parte, cambiando per sempre la vita di milioni di persone. Dal piccolo del mio blog voglio contribuire al ricordo di quel periodo e delle sue vittime, consigliandovi filmati, libri e incontri che potrebbero interessarvi.
Il primo libro che ho deciso di consigliarvi e' un romanzo scritto da Elena Loewenthal, scrittrice, traduttrice, giornalista, docente universitaria e molto altro ancora, un nome che piu' di una volta e' gia' comparso nel mio blog. Una donna incredibile la Lowenthal, un vero caso dove poter dire: "ma come fa a fare tutto?".

"La lenta nevicata dei giorni" narra la storia di due innamorati Andre' e Fernande che, come molti di loro, devono affrontare il periodo piu' buio che la storia dell'uomo abbia mai dovuto affrontare. Riusciti a raggiungere il sud della Francia, riescono a trovare rifugio, assieme ad altri ebrei, all'interno di una villa della Riviera. Il tempo passa e loro, ignari del crimine globalizzato che veniva commesso attorno a loro, mettono a dura prova il loro rapporto essendo costretti a vivere privi della liberta'. In questo racconto pieno di emozioni la bravissima Elena Loewenthal ci racconta quello che succede a seguito, se non durante, una tragedia che si spera non si ripeta piu'.  

Il secondo libro che vorrei consigliarvi si intitola "Conta le stelle, se puoi" sempre della Lowenthal, e' la storia di Moise Levi che da Fossano si trasferisce a Torino per cercare di fare fortuna e dove coltivare l'amore per la sua famiglia. Il protagonista nasce nel 1872 e dopo la prima guerra mondiale e la brutta "marcia su Roma" le sorti della sua famiglia potrebbero essere le stesse sorti di milioni di persone come tutti noi conosciamo ma, grazie all'autrice, la storia viene cambiata mettendo la vita come parte centrale per raccontare la storia dei protagonisti. Capovolgendo la storia la Loewenthal porta a riflettere quanto avremmo potuto evitare e guadagnare, rimettendo al primo posto l'amore e non l'odio come la storia ci ha brutalmente raccontato. 
Il terzo libro, "l'ultimo sonderkommando italiano" e' leggermente piu' forte come carattere rispetto ai precedenti. Sembra quasi un non fiction in quanto ci riporta a quei momenti disperati attraverso gli occhi di uno dei pochi sopravvissuti di quel periodo, una testimonianza preziosa. Enrico Vanzini ci racconta la sua storia quando, poco piu' che ragazzo viene fatto prigioniero dai tedeschi e spedito a Ingolstadt per lavorare alle fabbriche del Reich. Dopo un bombardamento che colpi' la fabbrica dove lavorava, tenta la fuga ma viene catturato nuovamente e spedito a Buchenwald, dove l'avrebbe atteso la morte. La sua pena cambia e viene trasferito al campo di concentramento di Dachau dove subisce trattamenti disumani per non parlare del lavoro che gli viene affidato: "smaltimento dei cadaveri" nei crematori. Vi lascio QUI il link che vi portera' ad un filmato che ho trovato su YouTube dove Enrico Vanzini racconta con la sua voce l'inferno che lo ha visto partecipe. Queste sono testimonianze preziose che devono essere custodite per sempre, fino a quando il mondo avra' memoria. 
Il 27 il mio post della giornata verra' dedicato al ricordo di quanto successo, non penso che potro' scrivere nulla di mio, sarebbe come una bestemmia e quindi lascero' che siano le voci dei testimoni a parlare, io rimarro' solo ad ascoltare e cerchero' di ricordare il piu' possibile le loro voci e i loro racconti. Molti dei video delle testimonianze li mettero' a disposizione sulla pagina FACEBOOK del blog. 

martedì 21 gennaio 2014

Goodreads Reading Challenge: 2014!

Con un pochino di ritardo rispetto all'inizio dell'anno sono finalmente riuscito a trovare tempo per Goodreads. Ad essere sincero, e' un sito che non ho molto sfruttato in passato ma da quest'anno ho deciso di utilizzare le sue potenzialita'. Avendo terminato con successo la mia prima reading challenge 2013 ho voluto sfidare me stesso e parteciparvi anche quest'anno. La novita' e' che ho aggiunto una ventina di libri in piu' rispetto a quella precedente... ce la faro'? Io lo spero vivamente perche' significherebbe che: 1) Ho avuto il tempo di leggere tutti quei libri 2) Ho potuto finalmente leggere libri che avevo in libreria da troppo tempo 3) Ho avuto tantissimo materiale per il blog, il che vuol dire consigliarvi sempre piu' letture!
Nella colonna destra del blog troverete il widget della "sfida" con il relativo link alla mia pagina dove potrete vedere di quali letture si parla. In aggiunta, ho anche sistemato sulla colonna di sinistra alcune delle copertine dei libri per la sfida del 2014, la terro' aggiornata e quindi man mano che aggiungero' libri cambiero' anche l'immagine "cliccabile". Spero sinceramente di esservi d'aiuto per quanto riguarda i vostri prossimi acquisti in libreria e non solo... Molti dei post sono anche contenuti nella pagina FACEBOOK di Crazy About Fiction. Inoltre, troverete materiale aggiuntivo come foto, link o video presi dalla rete, tutto connesso a cio' di cui si parla nel blog. Momentaneamente mi trovo negli Stati Uniti per questioni personali e, anche se non mi trovo in una grossa citta', sto cercando di reperire del materiale per informarvi di letture che vedranno la loro uscita in Italia solo fra un po' di tempo. Al momento ho gia' fatto cadere l'occhio su due o tre libri ( forse 4 o 5?) molto interessanti, autori a me ancora sconosciuti ma con storie molto avvincenti. Alcuni dei libri ho gia' controllato e sono gia' reperibili in lingua inglese sia con KOBO che con KINDLE pur avendo un account ".it".
Nei prossimi giorni vi daro' i titoli con una piccola descrizione dei vari romanzi, in questo modo deciderete voi stessi. Sicuramente le recensioni di tali libri avverranno quando gia' avranno pubblicato la traduzione in italiano ma... intanto io ve ne parlo, il che non e' gia' un buon inizio! Voi invece? Avete gia' una vaga idee di quanti libri leggerete? Ma la cosa piu' importante... avete gia' dei titoli che attendono sulle vostre librerie? Fatemi sapere lasciando dei commenti qui sotto o nella pagina FACEBOOK in modo da poterci confrontare e scoprire sempre letture nuove.
Uno dei miei buoni propositi per il 2014 e' di dedicarmi maggiormente a questo blog e quindi faro' del mio meglio per aggiornarlo piu' spesso, magari con post piu' brevi, introducendo qualche piccola novita'. Penso di aver gia' espresso questo pensiero ma ribadisco quanto sia impegnativo tenere un blog, specialmente che parli di fiction: Libri? beh, bisogna aprirli e leggerli, ore e ore senza poter far altro. Credetemi, io i libri dei quali parlo li leggo dall'inizio alla fine. Film o Serie TV? La stessa identica cosa, anche se e' un lavoro piu' "passivo", rispetto alla lettura, richiede tempo e attenzione. Insomma, un hobby puo' risultare impegnativo ma siccome e' fatto con passione... rimane pur sempre un divertimento ed uno svago. La rete, a sua volta, richiede attenzione e cura, per non parlare di un pizzico di ricerca ed una buona dose di costanza. Detto questo: potesse diventare il mio lavoro a tempo pieno, non sarebbe fantastico?

lunedì 20 gennaio 2014

RECENSIONE: "Cate, io" di Matteo Cellini

Qualche giorno fa ho terminato  di leggere un libro che mi ha dato molto da pensare. "Cate, io" di Matteo Cellini e' un romanzo che affronta un tema molto delicato.
Caterina e' una ragazza prossima al compimento del suo diciottesimo compleanno. Una famiglia felice, compatta, due genitori che vogliono molto bene ai loro figli e continuano a dimostrarlo giorno per giorno, in piccole cose ma significanti. Cate e' una non-persona, come si definisce lei. Caterina e' grassa e la cosa le crea un disagio enorme a livello sociale e pesonale. Cate-ciccia si nasconde, per quanto le sia possibile, diffida di tutti coloro che cerchino di dimostrarle affetto, amicizia. Non vuole la pieta' di nessuno, vuole solo essere lasciata in pace nel suo mondo. Un luogo, questo mondo, perfetto, dove niente e nessuno la possa ferire. Basta la consapevolezza che ha di se stessa a farla stare male. La famiglia, le ha sempre fornito amore e sicurezza, dando sia a lei che ai suoi due fratelli una finta normalita', sbagliando, evitandogli di poter parare il calcio in faccia che avrebbero preso quotidianamente fuori dalle mura di casa. Tutta la famiglia e' sovrappeso, Cate inizia ad odiarli per questo "regalo" che le hanno tramandato, qualora la cosa fosse possibile. La protagonista inventata da Cellini si ribella, sfoga tutta la rabbia e la sua frustrazione vomitando il tutto in faccia ai genitori e alla nonna. Parole forti, dure, quelle che Cati ha in serbo per loro, non risparmia nulla, li ferisce. L'unica ancora di salvezza per Cati e' il rapporto che ha stabilito con la sua insegnante di Italiano. Vede in lei un'amica, qualcuno che abbia saputo andare oltre il suo aspetto fisico, raggiungendo, oltre gli spessi strati di carne , la vera Cate. Gli eventi, man mano che il romanzo prosegue, precipitano con un effetto domino che nessuno riesce a fermare, troppi i tasselli che ad uno ad uno perdono l'equilibrio e travolgono la sua vita fino al declino totale. Una crisi d'identita' che la porteranno sul ciglio di un burrone, dopo essere stata costretta ad affrontare la realta' come se si fosse guardata allo specchio attraverso gli occhi del suo peggior nemico.   Questo e' il mio primo "incontro" con quest'autore. Uno dei personaggi piu' belli e complessi di tutte le mie letture di quest'anno. Pochissime volte mi e' capitato di imbattermi in un tema cosi' intenso e descritto in modo tanto sincero da crearmi difficolta' nella lettura. Bellissimo e' il primo aggettivo che mi viene da utilizzare, anche se a pensarci bene non molto adatto alla storia. Il lavoro che l'autore e' riuscito a fare con la creazione di Caterina, ecco, questo puo' essere definito bellissimo. Bravissimo ad interpretare Caterina, protagonista e narratrice della propria triste storia. Il narratore infatti, l'autore stesso, parla in prima persona utilizzando come veicolo la grossa mole della sua protagonista. Mentre leggevo cercavo di immaginare il processo di scrittura che Cellini ha affrontato. Immagino che la mia risposta sia nella nomina al Premio Strega 2013.
Matteo Cellini ha scritto un romanzo che ha qualcosa di diverso, porta innovazione nel mondo della letteratura moderna. Una scrittura degna di essere chiamata tale ed uno svolgimento degli eventi equilibrato. Il libro mi ha turbato, mi ha messo di fronte la realta' di quanto triste e crudele la vita possa essere. Non c'e' un lieto fine in tutto quello che si legge, finalmente, direi. Dico questo perche' la vita per bella che sia non e' certo tutta rose e fiori, bisogna essere pronti per poterla affrontare e, proprio come i genitori di Cate, far credere ai propri figli che tutto sara' bellissimo e senza ostacoli come nell'amorevole focolare casalingo potrebbe portare a conseguenze irreparabili. Qualcuno diceva che uno schiaffo in faccia fa meno male se si e' pronti a riceverlo.
Un libro che porta il lettore a riflettere molto sulle scelte che decidiamo di prendere giudicando gli altri, senza conoscere il loro percorso. "Cate, io" rimarra' un romanzo che prende una forma educativa, attraverso la letteratura, per tutti noi.

TITOLO: "Cate, io"
AUTORE: Matteo Cellini
EDITORE: Fazi Editore
COLLANA: Le Strade
PAGINE: 216
PREZZO: 13,60 in versione rigida; 6,99 in versione ebook; questi prezzi riguardano acquisti con inMondadori.it perche' li ho trovati piu' vantaggiosi, per lo meno la versione ebook. 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...